Tutti gli articoli di Fabio Andruccioli

Fabio Andruccioli, nato a Pesaro il 06/08/1985 e laureato prima in Scienze della Comunicazione e poi alla laurea specialista in Comunicazione e Pubblicità per le Organizzazioni presso la facoltà di Sociologia dell’Università degli Studi “Carlo Bo” di Urbino. Dopo diverse esperienze nel campo del webmarketing e social media marketing lavora dal 2011 come SEO Specialist. Oltre alla passione per il web divide il suo tempo libero tra sport e intrattenimento nerd.

La Notte delle Streghe a Polverigi (AN): noi ci saremo!

Riprende la collaborazione tra Agenda Geek e Fantasia Sogno Realtà con un evento da non perdere a Polverigi (AN).

Infatti saremo con il nostro stand insieme ai ragazzi di FSR, a Villa Nappi, per La Notte delle Streghe.

Oltre ad avere la possibilità di incontrarci e di conoscere Agenda Geek, come sempre ci occuperemo di raccontarvi live l’evento, con un occhio di riguardo per l’animazione horror di FSR che anche quest’anno vi farà tremare!!!

Inoltre allo stand anche zona trucco, per diventare mostruosamente belli. Per tutte le informazioni seguite la pagina di Fantasia Sogno Realtà , oltre a tenere d’occhio i nostri canali social per la diretta dall’evento.

Quando il digitale incontra l’horror, il nostro istinto geek si risveglia… e anche la nostra fame di sangue! (si fa per dire…)

Ovviamente come ad ogni evento, taggate le vostre foto su Instagram con l’hashtag #agendageek e condividetele con la nostra community!

Zombie Walk Gradara: anche quest’anno Agenda Geek ve la racconta a modo suo

Dopo la bella esperienza dell’anno scorso, anche quest’anno noi di Agenda Geek saremo alla Zombie Walk di Gradara, ospiti degli amici di Zombie Walk Italia. L’appuntamento è per il 25 e 26 settembre!

11390160_996573883686044_2371333725476627383_n
image-26165

In programma ci sarà la Zombie Escape, un gioco interattivo che permetterà di confrontarsi con una vera fuga dagli zombie, oltre alla ormai consueta Zombie Walk, che vedrà scontrarsi non-morti e cacciatori per il dominio del borgo.

Ricco è anche il programma pomeridiano dove, oltre al punto trucco, ci saranno presentazioni di serie e corti, saggi e racconti, spettacoli a tema zombie. Il programma completo lo trovate a questo link, noi saremo sicuramente presenti dalle 16.00 di sabato, oltre ad avere qualcuno dei nostri “nascosto” nell’escape.

Infatti anche quest’anno vi racconteremo in diretta l’evento con il nostro live su Facebook e Instagram e seguiremo per voi le conferenze e le presentazioni in programma, delle quali vi faremo un resoconto su queste pagine.

Inoltre riportiamo in auge la nostra idea dello scorso anno, il Diario di un sopravvissuto: in sostanza, il tumblr che abbiamo creato e “inventato” ha cercato di raccontare le zombie walk in termini narrativi, come se ogni evento facesse parte di una stessa linea temporale, con un personaggio che si cala all’interno della storia, con la sua frustrazione e le sue ansie. Un modo diverso di raccontare gli eventi che unisce creatività e tecnologia, con un sistema che collega in tempo reale Tumblr e Instagram. Speriamo che a voi piaccia, come piace (e diverte) noi.

Corso di Narrativa Fantastica con Alessandro Forlani

Nuovo corso in arrivo per il mese di Aprile! Questa volta parliamo (e facciamo) di scrittura creativa con il “Corso di Narrativa Fantastica – Horror, Fantascienza, Fantasy & Altri Mondi”.

In cattedra salirà il nostro amico, professore universitario e autore Alessandro Forlani, che insegnerà in cinque incontri tutto quello che dobbiamo sapere per scrivere un racconto o un romanzo di genere.

Ecco a voi il programma degli incontri, che si terranno il martedì sera presso il Circolo Concordia, Via Ugo Foscolo 9, a Pesaro:

19-04-2016 – Lezione 1: Le Strutture Narrative
Clustering e Modello Attanziale
La Struttura in Tre Atti
Il Viaggio dell’Eroe

26-04-2016 – Lezione 2: Universi Narrativi e Generi Letterari

03-05-2016 – Lezione 3: Scrivere il Personaggio
Enneagramma del Personaggio
Arco di Trasformazione del Personaggio

10-05-2016 – Lezione 4: Scrivere la Scena, scrivere il Dialogo

17-05-2016 – Lezione 5: Strutturare un Racconto, Strutturare un Romanzo, Progettare una Serie
(con elementi di editing e rapporti con l’editoria)

Il corso è come sempre riservato ai soci della Associazione Culturale Agenda Geek ed ha un costo di 50 euro comprensivo della tessera dell’associazione valida per l’anno 2016; mentre per chi è già socio, il costo sarà di 40 euro.

Il luogo che ospita il corso è un circolo ARCI, quindi sarà richiesta ai corsisti la presentazione della stessa: se sprovvisto, il corsista potrà tesserarsi in loco con quota agevolata.

Per procedere con l’iscrizione, inviare una mail a fabio@agendageek.it con nome, cognome, numero di telefono e email a cui essere contattati e come consuetudine le iscrizioni verranno chiuse col raggiungimento della quota di 10 iscritti.

Per altre informazioni potete visitare l’evento facebook dedicato.

Sci-fi photobox & contest al Pesaro Comics

Anche quest’anno Agenda Geek sarà al Pesaro Comics & Games, con una serie di attività, prima delle quali il classico photobox, quest’anno a tema fantascientifico, in linea con l’evento che quest’anno sarà dedicato proprio a questo argomento.
Sci-fi photobox

Durante i tre giorni del festival, che quest’anno si terrà dal 26 al 28 agosto, allestiremo nel piano sotterraneo della Rocca il nostro photobox a tema retrò-fantascientifico. Venite a trovarci e scattatevi le foto usando gli hashtag #agendageek e #pesarocomics2016.
Foto-contest

Se invece passerete per il photobox dalle 15 alle 20, il nostro staff sarà presente armato di reflex pronto a scattare la vostra “foto ricordo” a voi e ai vostri amici ma con una interessante sorpresa. Infatti le foto saranno caricate sulla nostra pagina Facebook e quella che riceverà più interazioni (like, commenti & co.) sarà premiata con un simpatico premio a tema fantascientifico. Quindi venite a farvi scattare la foto e… taggatevi per ricevere il premio!
Punto make up

Come ultima sorpresa, saranno con noi due make up artisti d’eccezione, Carlo Capezzera e Francesca La Sorsa, che a fianco del nostro photobox saranno a disposizione per trucchi fantascientifici e non solo, un motivo in più per venire a trovarci!

Corso avanzato di narrativa fantastica con Alessandro Forlani

Nuovo corso di AgendaGeek.it dedicato alla scrittura creativa con Alessandro Forlani, dal 20 ottobre al 24 novembre 2016.

L’editoria digitale ha affermato sui webstore molte collane di racconti brevi dalle precise caratteristiche: fantasy, horror e fantascienza sono i generi più popolari. Il corso si propone di strutturare, scrivere e editare un racconto breve “di genere” (con particolare riferimento al racconto di fantascienza, in tutte le sue forme) da proporre agli editori a scopo pubblicazione.

Il corso è dedicato a chi, nello specifico, abbia già approfondito tematiche di scrittura creativa. Chi si avvicina per la prima volta all’esercizio della narrativa avrà l’opportunità di una concreta esperienza di approccio professionale alla scrittura e ai rapporti con l’editoria.

Il corso è come sempre riservato ai soci della Associazione Culturale Agenda Geek ed ha un costo di 60 euro comprensivo della tessera dell’associazione valida per l’anno 2016; mentre per chi è già socio, il costo sarà di 50 euro.

Compresa nel costo del corso anche la tessera di Stazione Gauss.

Per procedere con l’iscrizione, inviare una mail a fabio@agendageek.it con nome, cognome, numero di telefono e email a cui essere contattati e come consuetudine le iscrizioni verranno chiuse col raggiungimento della quota di 10 iscritti.


Ecco a voi il programma degli incontri, che si terranno il giovedì sera presso Stazione Gauss, Piazza Falcone Borsellino 17, a Pesaro:

Programma

20-10-2016 – Lezione 1: Strategie di Pubblicazione
Come, quale e perché scegliere un editore.

27-10-2016 – Lezione 2: Strategie Strutturali
Concept, Scaletta e Trattamento

03-11-2016 – Lezione 3: Scrivere il Racconto, 1
Prima sessione di scrittura

10-11-2016 – Lezione 4: Scrivere il Racconto, 2
Seconda sessione di scrittura

17-11-2016 – Lezione 5: Scrivere il Racconto, 3
Terza sessione di scrittura

24-11-2016 – Lezione 6: Editing
Sessione di editing

Nota: nelle sessioni di scrittura ed editing i partecipanti al corso saranno invitati alla pubblica lettura e analisi dei loro elaborati

Testi Consigliati:
– Alessandro Forlani, Com’è facile scrivere difficile – prontuario di sceneggiatura e scrittura creativa; Delos, Milano, 2016
– Alessandro Forlani, Com’è facile diventare un eroe – prontuario di scrittura del personaggio; Delos, Milano, 2016
– Alessandro Forlani, Com’è facile vivere in Atlantide – prontuario di scrittura di altrimondi; Delos, Milano, 2016

La musica degli Ainur incanta il Teatro Novelli di Rimini

Metti un giovedì sera di settembre, il più caldo che ricordi. Una corsa forsennata di quattro geek per arrivare fino a Rimini in tempo per lo spettacolo. Il Teatro Novelli è già colmo di gente, pronti ad assistere allo spettacolo “Ainulindalë – La musica degli Ainur”, musiche ispirate a “Il Silmarillion” di JRR Tolkien. La voce di Angelo Branduardi ci accoglie nell’oscurità della sala e inizia il racconto di Eru, detto Ilúvatar e la creazione degli Ainur.

11923226_1631708820379922_6311705170295524970_n
image-26142

Ma facciamo un passo indietro, di cosa stiamo parlando? Ainulindalë è il primo capitolo de Il Silmarillion, un’opera mitologica (o mitopoietica?) in cui Tolkien esplora le origini del mondo… del suo mondo, Arda, dalle origini fino alla Terza Era (dove, per intendersi, si svolge il Signore degli Anelli). In questo primo capitolo, infatti, Ilúvatar crea gli Ainur, dei potenti spiriti, con il pensiero e assegna loro una melodia, che gli Ainur stessi plasmeranno per creare Arda.

Torniamo al Teatro Novelli, dove le musiche di Nicolò Facciotto, Federico Mecozzi, Ivan Tiraferri e Mattia Guerra si alternano alla voce inconfondibile di Branduardi. I primi brani raccontano tre Ainur, ognuno con le sue particolarità che si riflettono nella musica: abbiamo infatti i Valar Varda e Manwë e la Maia Uinen. Senza entrare nel dettaglio dei singoli personaggi, scopriamo come gli autori abbiano realmente immaginato una melodia che rispecchiasse i loro “caratteri”.

Quindi Ilúvatar presenta il suo tema (ancora, dopo averci dormito sopra, non riesco a non ripetermelo in mente) che gli Ainur trasformeranno in una grande musica. Mentre qui entra in gioco Melkor, il più potente degli Ainur, invidioso del potere di Ilúvatar, che porterà la sua dissonanza all’interno della grande melodia creata dagli Ainur, in un gioco musicale ma anche di luci, che passano dal blu al rosso, quando Melkor porta le sue idee all’interno della composizione.

La composizione, decisamente epica e apprezzata anche da noi che, sostanzialmente, non siamo né musicisti né esperti di musica classica. Quello che rimane nelle nostre orecchie è qualcosa di comprensibile anche a noi profani, una musica epica che può fare da colonna sonora ad un mondo fantasy come quello di Tolkien. L’esecuzione dell’Orchestra sinfonica “G. Lettimi”, diretta dal Maestro Facciotto sembra sparire, sostituita da un grande vuoto, mentre l’ombra di Branduardi proiettata su un grande telo bianco, è come quella di un Narratore supremo, quasi Illuvatar stesso.

Non vi diciamo come va avanti la storia, perché per questo dovete vedere lo spettacolo o leggervi il Silmarillion. Abbiamo apprezzato anche i tre brani conclusivi, che raccontano episodi del Silmarillion successivi alla creazione di Arda, in particolare “La Cavalcata di Oromë” che mi sono riascoltato stamattina in macchina per gasarmi prima di 8 ore di lavoro davanti a un computer.
12016670_10207555700513261_425028779_n
12023003_10207555700873270_485704174_n
12025393_10207555699833244_349954961_n
12030712_10207555701033274_589623043_n
12033376_10207555700673265_599918196_n

Personalmente, mi sono voluto prendere pure il CD, perché è un progetto interessante e apprezzabile musicalmente. Poi perché sono un fan di Tolkien e tutto comincia da lì, da quel tema che Eru Illuvatar ha concepito e che ci ha portato al mondo che conosciamo.

Esisteva Eru, l’Uno, che in Arda è chiamato Ilúvatar; ed egli creò per primi gli Ainur, i Santi, rampolli del suo pensiero, ed essi erano con lui prima che ogni altro fosse creato. Ed egli parlò loro, proponendo temi musicali; ed essi cantarono al suo cospetto, ed egli ne fu lieto. A lungo cantarono soltanto uno alla volta, o solo pochi insieme, mentre gli altri stavano ad ascoltare; ché ciascuno di essi penetrava soltanto quella parte della mente di Ilúvatar da cui proveniva, e crescevano lentamente nella comprensione dei loro fratelli. Ma già solo ascoltando pervenivano a una comprensione più profonda, e s’accrescevano l’unisono e l’armonia. – JRR Tolkien

Content creation e SEO per blogger

Anche ai blogger capita il blocco dello scrittore. Non si sa cosa scrivere, non si sa da dove iniziare, e spesso non si sa neanche come fare a farsi leggere.

Per questo ieri sera ho tenuto una lezione per i soci di AgendaGeeek.it molto particolare, intitolata “Content creation & SEO for Geeks“, di cui vado a riassumere i punti salienti in questo post.
Content ideation

La prima domanda che ci siamo posti è: da dove vengono le idee? Questo è già un punto dolente, perché se ci inseriamo nell’idea di “attendere l’ispirazione” allora possiamo già chiudere il nostro blog. Come possiamo quindi avere sempre idee nuove per i nostri post? Ecco tre strumenti che possono esserci di grande aiuto:

La creazione di un archivio personale da cui attingere e da tenere aggiornato, sfruttando gli strumenti online che preferiamo;
Il classico – ma mai scontato – brainstorming insieme agli altri membri della redazione;
Fare un’analisi di quello che fanno i blogger simili a noi, con una competitive research.

L’attività di un blogger, si incrocia spesso con l’attività SEO, perché se non riusciamo a farci trovare e a creare un contenuto esclusivo, sarà tutto tempo sprecato. Per questo il nostro contenuto deve rispondere a delle domande fondamentali:

Che cosa è “trending” in questo momento?
Che cosa porta link e da dove?
Che parole chiave portano più traffico?
Chi segue chi e chi condivide?
Che tipo di contenuto stanno scrivendo i miei simili?

Ci sono numerosi tools online che ci permettono di rispondere a queste domande, da quelli gratuiti di Google a quelli a pagamento e professionali. In base al nostro livello di conoscenza e alle nostre disponibilità, abbiamo la possibilità di trovare ulteriori informazioni e capire come muoverci nella giungla dei motori di ricerca.

Se poi vogliamo fare una vera e propria analisi SEO, forse è il caso di affidarci a un professionista…

Ma rimaniamo sul contenuto: come si riconosce un contenuto di valore? Questa immagine di MOZ può darci una mano:

criteria-modern-content
image-26373

Content creation

A questo mi sento di aggiungere l’importanza degli otto step per la creazione di un contenuto:

Ricerca
Creazione della struttura del post
Scrittura bozza tra le 300 e le 700 parole;
Revisione e riscrittura
Ideazione del titolo
SEO Check
Revisione finale
Scelta dell’immagine di copertina

Con l’esperienza, questi passaggi saranno sempre più automatici e veloci, in modo da rendere la scrittura un processo più fluido.

Punto dolente è solitamente il sesto, quando si passa ad analizzare un contenuto lato SEO: siamo nel 2016 e le cose si fanno complicate. Il concetto di parola chiave può essere sostituito con quello di campo semantico. Google riconosce gli argomenti, le varianti di keywords e gli elementi multimediali, nonché valuta la user experience del nostro contenuto. Se il vostro sito è in WordPress, potete utilizzare WordPress SEO by Yoast per ottimizzare gli elementi base del vostro articolo come title e meta description. Non è questa la sede per un corso approfondito, ma è importante sapere che è un fattore importante, quando decidete di aprire il vostro blog.
Content promotion

Abbiamo scelto l’argomento, poi lo abbiamo scritto. E adesso? Dobbiamo promuoverlo!

Da qui in poi tutto dipende dalle vostre disponibilità, sia di tempo che economiche. Se avete molto tempo da perdere, cercate gli influencer nel vostro settore e instaurate rapporti. I social media sono lo strumento più semplice per compiere questa attività, onerosa ma che può portare diversi vantaggi, se entrate nelle “grazie” di un VIP del vostro settore. Potete anche entrare nelle community online sui social, essere attivi commentando i post di altri autori e crearvi la vostra rete di relazioni, che permetteranno al vostro contenuto di essere ricondiviso. Inoltre servono link in entrata per essere posizionati sui motori di ricerca, quindi buona caccia a link di qualità!

Se poi avete poco tempo e molto denaro, perché non utilizzare mezzi a pagamento come i post sponsorizzati di Facebook o Google AdWords? Ovviamente sono strumenti potenzialmente complessi, ma che possono essere utilizzati anche nelle loro forme più basiche.

Un punto di partenza direi che lo abbiamo, da qui bisogna iniziare a sperimentare e a lavorarci su.